Baviera (D) 2017

L’impianto è stato realizzato, all’interno di un capannone esistente ed in sostituzione di un processo obsoleto, per trattare 100 ton/h di inerte (quarzo al 90%) con pezzatura 0 – 150 mm.

Il nastro originale, partendo da un tunnel all’esterno del capannone, alimenta il nuovo vaglio di lavaggio posto direttamente sopra la sfangatrice in modo da:

  • stoccare a cumulo il materiale > 32 mm
  • alimentare la sfangatrice con la pezzatura 4 – 32 mm
  • inviare la frazione 0 – 4 mm all’impianto di trattamento sabbie (esistente)

L’over – flow della sfangatrice viene trattato su un apposito vaglio drenante per dividere le parti leggere (legno, plastica, carbone, ecc) dalla torbida (H2O + solidi < 4 mm) anch’essa trattata poi nel sopra menzionato impianto di lavaggio e recupero sabbie.

Il vaglio di selezione finale (sempre dotato di impianto docce) permette di separare le frazioni < 4 mm eventualmente ancora presenti (inviate al solito impianto trattamento sabbie) e di ottenere i classici tre prodotti per il calcestruzzo perfettamente lavati:

  • 4 – 8 mm
  • 8 – 16 mm
  • 16 – 32 mm